Le pettole, il Natale in Puglia

pettole

Non esiste buon pugliese che durante le festività natalizie non addenti almeno una pettola, la deliziosa pallina di pasta lievitata fritta in olio bollente.

Ogni provincia pugliese può rivendicare la titolarità delle pettole, ma a ben vedere queste appartengono all’intero territorio regionale, con qualche piccola distinzione riguardo ai giorni in cui vengono di preferenza preparate: a Brindisi per l’Immacolata (8 dicembre), a Lecce per San Martino, a Taranto per Santa Cecilia e a Foggia per la vigilia di Natale.
Si tratta di una pietanza semplicissima da preparare e altrettanto semplice da divorare (ops… mangiare), purché la si gusti appena fatta e caldissima, in modo da valorizzarne al massimo il contrasto tra la morbida pasta interna e la croccante crosticina fritta esterna.

Esistono varie versioni di pettole, da quelle dolci ricoperte di miele o zucchero, a quelle salate alla pizzaiola o arricchite con le olive. La ricetta che qui vogliamo proporvi è, però, quella classica e, per così dire, base (la nostra preferita).

Scopri Amazon Prime!

Partiamo dagli economici e semplici ingredienti necessari a “partorire” circa 50 pettole:

– farina 00 (500 g);
– lievito di birra fresco (12 g),
– sale grosso (mezzo cucchiaio);
– aaqua tiepida (375 ml);
– olio di semi per friggere (q.b.).

Passiamo, dunque, alla preparazione.  Innanzitutto, setacciamo la farina in una ciotola e, dopo avervi fatto un “buco” al centro, ci sciogliamo il lievito di birra aggiungendo poco a poco l’acqua tiepida, in cui avremo fatto sciogliere il sale grosso. Impastiamo il tutto con le mani fino a ottenere un impasto morbido e colloso, che è ora pronto per essere messo a lievitare in un luogo ben asciutto e non troppo fresco. Le nonne usavano addirittura coprire l’impasto con un paio di stracci per tenerlo ancora più al caldo e agevolare il processo di lievitazione. In alternativa, si può mettere a lievitare la ciotola con l’impasto, coperta da un foglio di pellicola, in forno spento con la luce accesa per circa 2 ore.

Scopri Amazon Prime!

Una volta che l’impasto avrà raddoppiato il proprio volume, si passa alla fase di frittura. Per prima cosa, occorre dispporre sul fuoco una pentola abbastanza capiente con abbondante olio di semi, utile per friggere le pettole coprendole del tutto. Appena l’olio avrà raggiunto i 180°, basta prendere con un cucchiaio un po’ di impasto alla volta, bagnare un dito con dell’acqua e servirsene per far scivolare dal cucchiaio la pallina di impasto direttamente nell’olio bollente, stando attenti a non scottarsi!

Il grosso è praticamente ormai fatto. Basta ora girare con una pinza le pettole in frittura, fino a quando non diventano ben dorate all’esterno. Una volta fatto ciò, le togliamo dall’olio e le adagiamo su della carta assorbente.

Non lasciamole lì per troppo tempo, perché le pettole vanno mangiate al momento caldissime e croccanti!

Buon appetito!!!

Scopri Amazon Prime!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...